Legge di bilancio 2020: proroga dell’ecobonus

La legge di bilancio 2020 contiene anche la proroga dell’ecobonus, la detrazione irpef per gli interventi di riqualificazione energetica degli immobili.
La legge di bilancio 2020 proroga quindi anche l’ecobonus per il prossimo anno. Salvo modifiche nel suo tramite parlamentare, la legge di bilancio conferma le detrazioni per gli interventi di risparmio energetico con aliquote diverse a seconda della tipologia di lavori effettuati.

Ad usufruire dell’ecobonus previsto dalla legge di bilancio 2020 sono: persone fisiche titolari di un diritto reale sull’immobile, condomini, inquilini, comodatari, familiari e/o conviventi che sostengono le spese, contribuenti che conseguono reddito d’impresa, associazioni tra professionisti, enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

In particolare abbiamo le seguenti percentuali di detrabilità a seconda della tipologia di lavori effettuati

Detrazione 50% ecobonus
La detrazione del 50% è prevista per questa tipologia di interventi:
Schermatura solare
caldaie a biomassa
interventi relativi alla sostituzione di finestre e infissi
caldaie a condensazione (se in classe A; la detrazione sale al 65% se sono dotate di sistemi di termoregolazione evoluti appartenenti alle classi V, VI o VII)

Detrazione 65% per risparmio energetico
E’ prevista invece una detrazione del 65% per il risparmio energetico per la seguente categoria di interventi:
interventi di coibentazione dell’involucro opaco
pompe di calore
sistemi di building automation
collettori solari per produzione di acqua calda
scaldaacqua a pompa di calore
generatori ibrici

Ecobonus al 70 o al 75%
Usufruiscono dell’ecobonus al 70 o al 75% gli interventi di tipo condominiale, per le spese sostenute dal 1º gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 con un limite di spesa di 40mila euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio. La detrazione sale all’80% nel caso di interventi di risparmio energetico eseguiti sugli edifici che implicano anche una riduzione del rischio sismico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compare

Translate?

Inserisci la parola di ricerca